Chi sono

Giovanni Longo, nato a Udine il 13/08/1974.

Svolgo la mia attività a Remanzacco (UD), in Via Taviele 27/A Loc. Ziracco.

La mia formazione di base è puramente tecnica, indirizzo industriale. Mi sono diplomato nel 1993 presso l’I.T.I. A. Malignani di Udine, indirizzo aeronautico. La scelta per il campo aeronautico è stata sempre motivata dalla passione per le tecnologie all’avanguardia (materiali compositi, leghe leggere, efficienza aerodinamica), ma il ‘cuore’ è sempre stato per la meccanica.

La mia formazione professionale è maturata soprattutto grazie all’esperienza decennale (dal 1997) presso l’ufficio tecnico del Centro Ricerche dell’azienda Danieli di Buttrio (UD) operando nelle seguenti attività:

  • Progettazione di singole macchine, o parti di esse, impiantistica a bordo macchina (elettrica, idraulica, di lubrificazione, di raffreddamento) in singolo e in team (coordinazione di piccoli gruppi di lavoro)
  • Supervisione a montaggi interni ed in cantiere
  • Avviamento macchine (supervisione tecnica e impostazione parametri di funzionamento) in Italia e all’estero
  • Esperienza annuale presso ufficio tecnico di produzione

Questi i campi in cui ho operato durante questa esperienza:

  • Laminazione barre e vergella
  • Colata continua bramme e billette
  • Forni (più limitatamente)

Nel 2006 ho iniziato a lavorare come libero professionista fornendo servizi di sviluppo ingegneria.

Nel 2007 mi sono iscritto all’Albo Imprese Artigiane.

Nel 2014 ho iniziato a svolgere anche attività di formazione, collaborando con istituti come IAL FVG di Udine ed Enaip FVG di Pordenone, aziende come Sangalli Vetro Porto Nogaro S.p.A., XUNI Soluzioni Open Source di Montebelluna (TV), ordini professionali come quelli degli Architetti di Pordenone, Udine, Gorizia e Trieste, degli Ingegneri di Pordenone, e con FabLab come quelli di Castelfranco Veneto, San Donà di Piave e Portogruaro.

Nel 2016 ho iniziato a fornire anche consulenze per l’adozione di tecnologie Open Source, sempre più mature per l’ambito professionale, in particolare per la modellazione 3D parametrica con FreeCAD e per l’office automation.

Dal 2016 al 2018 ho collaborato con il portale di informazione business-oriented TechEconomy per curare la rubrica ‘Open Manufacturing’.

Nel 2017 ho iniziato a fornire anche consulenze per l’Assessment ed il Setup dell’Ufficio Tecnico (analisi dei rischi, allineamento competenze tecniche, ottimizzazione flussi di lavoro, standardizzazione e normalizzazione).

La passione per l’Open Source

Ho scoperto GNU/Linux nel 2003 grazie alla celebre live-distro Knoppix ed è stato subito amore. Ho acquistato successivamente (con molta soddisfazione) Suse Linux 9.2 e 9.3 apprezzandone soprattutto la chiarezza dei manuali in italiano e la facilità d’uso del software di gestione di sistema Yast. Sono passato poi ad openSUSE (alla nascita del progetto) ed infine a Ubuntu, che utilizzo con estrema soddisfazione anche nell’attività professionale.

Sono sempre stato attento alla realtà del Software Libero, frequento da diversi anni i Linux Day friulani, gli storici appuntamenti annuali per gli appassionati di questa cultura, e mi affido principalmente al web per approfondire i temi di interesse.

Nel 2011, riflettendo sull’opportunità di puntare sul web, ed in particolare sul social network Twitter che ho sempre ritenuto molto promettente e vivace, ho creato il ‘social magazine’ LinuxBird, un progetto per la divulgazione del  mondo Open Source dal punto di vista dell’utente comune, attento soprattutto alle realtà del web e del settore mobile e alle attività creative.

Nel 2012 sono entrato a far parte dell’Associazione Culturale Pordenone Linux User Group (PN LUG), per rivolgere concretamente il mio impegno al territorio Friulano. Attualmente rivesto la carica di consigliere e responsabile della comunicazione.

Nel 2016, assieme al PN LUG e al Polo Tecnologico ‘A. Galvani’ di Pordenone, ho dato vita alla Pordenone Open Design Conference, la prima (e tuttora l’unica) conferenza italiana sul Design, Progettazione e Manifattura Open Source, ora parte integrante della Pordenone Design Week.